XIX secolo. Levi Strauss crea un capo adatto agli operai delle miniere: la salopette.

Pantalone dalle ampie gambe, sormontato da una pettorina retta da due bretelle, la salopette, pratica ed essenziale, è per eccellenza l’icona del lavoratore proletario.

Non a caso sarà pietra miliare degli anni 60’, anni delle rivolte operaie e studentesche, anni dell’affermazione del popolo.

Se Levi Strauss creò la salopette completamente in denim, nel corso del tempo è stata rivisitata e proposta in vari tessuti e modelli. La continua rivisitazione di questo capo, ha permesso alle donne di indossarla in ogni occasione, allontanandola dal guardaroba premaman. Elegante, sensuale, di- vertente, maliziosa: le personalità della salopette emergono dai vari tessuti utilizzati. Pizzo, pelle, velluto, lino: i designers hanno azzardato nuove forme, nuove strutture, linee più mature, ampiezze diminuite. Le larghe gambe dei pantaloni si sono trasformate in rigide gonne, shorts, skinny jeans; la pettorina eliminata e le bretelle lineari esaltano il sensuale decolleté femminile.

Nel 2009, Jaean Paul Gualtier, riprese nella sua collezione la salopette, rendendola urban, pop: il denim e il jersey hanno giocato sulla leggerezza della salopette. Sempre Gualtier, nella sua ultima collezione haute couture, la vuole protagonista nell’alta moda: invece che dai pantaloni, la pettorina è prolungata da un’ampia gonna in chiffon che abbraccia in una favola principesca il “vestito del lavoratore.”

Sporty-chic per Akris, romantica in pizzo per Chanel, destrutturata quella di Ashish, con richiami all’hip hop degli anni ’90 quella di Steven Tai: varie interpretazioni hanno illuminato un capo che era stato inventato per il popolo. Un capo economico, pratico che si è trasformato in un vero e proprio “Must have”.

Abbinata a tacchi vertiginosi, sneakers, pochette, clutch, cappelli, accessori eccessivi è tra i capi più amati dalle celebrità, che nel quotidiano optano per uno stile unico ma confortevole.
Da Rihanna a Jessica Alba: nessuno resiste alla salopette.
Il richiamo è struggente: siamo immersi in un vero e proprio “Salopette revival!”

Akris SS15 // source: style.com

Ursa Minor SS15

Chanel SS15

Ashish SS15

Ryan Lo SS15

Steven Tai SS15 // see the collection here

Sea SS15

Kendall Jenner for Calvin Klein Jeans

Jean Paul Gaultier Couture SS15

Moschino Fall2015

Fendi Fall2015

Karen Walker Resort 2016