Retromania è un editoriale che celebra un periodo passato che ha influenzato numerose generazioni e che ancora oggi continua a contaminare la moda e non solo. Un periodo di grande rivoluzione culturale, musicale e che ha visto nascere numerosi movimenti artistici. Gli anni della sperimentazione e della libertà d’espressione. Facciamo un salto indietro agli anni ’80.

In questo editoriale, il giovane fotografo di moda Luigi Sgambato desidera riportarci indietro a quegli anni, caratterizzati da combinazioni stravaganti. Materiali laminati, giacche oversize, pantaloni di pelle, e mini di jeans, Polaroid e walkman. I must-have di un’intera generazione, che sognava guardando film manifesto, come Footlose e Grease, e si muoveva sulle note di Madonna.

 

Se da un lato Retromania è un tributo agli anni ’80, da un altro è una critica al nostro presente, capace solo di prendere dal passato continue referenze rielaborate in chiave moderna. Viviamo in un’epoca pop che impazzisce per tutto ciò che è “retro” o vintage e per le commemorazioni.

Forse abbiamo raggiunto un punto di non ritorno e nonostante anche le epoche passate abbiano avuto le loro ossessioni con l’antichità – il Rinascimento con il classicismo Romano e Greco; il Gotico con continui richiami al Medioevo – forse non si è mai avuta una società così ossessionata con artefatti culturali del suo passato.
La domanda del fotografo è: questa voglia di “retromania” non rappresenta la tomba dell’originalità e della creatività?

Lasciamo a voi la risposta.

the fashion atlas, luigi sgambato, talent, fotografia di moda, retromania,
the fashion atlas, luigi sgambato, talent, fotografia di moda, retromania,
the fashion atlas, luigi sgambato, talent, fotografia di moda, retromania,
the fashion atlas, luigi sgambato, talent, fotografia di moda, retromania,
the fashion atlas, luigi sgambato, talent, fotografia di moda, retromania,
the fashion atlas, luigi sgambato, talent, fotografia di moda, retromania,

Photo // Luigi Sgambato
Styling // Mirta Robioni
Model // Claudia de Nicolò
Make up // Sara Bottiglieri